giovedì 6 settembre 2012

Los Angeles, Hawaii, New York: il sogno americano si avvera. Prima parte



Aloha e bentornati dalle vacanze! Anche io, come molti di voi, mi trovo ad affrontare la fase del "duro ritorno alla realtà" ( e che realtà poi la nostra!) , dopo un viaggio di tre settimane che ho sognato da sempre...Los Angeles, le Hawaii e New York. L'unico modo per non dimenticare del tutto la miriade di emozioni provate è quello di scrivere e raccontare a tutti voi di questo incredibile viaggio, che come sempre ha assunto i connotati dell'avventura...Perchè? Scopriamolo insieme!



PRIMA TAPPA: LOS ANGELES

Prima di partire, qualcuno mi ha detto che Los Angeles è una città che ha poco da offrire rispetto ad altre città costiere come San Francisco. A prescindere dal fatto che ogni luogo è degno di essere visitato perchè ogni angolo  più remoto di questo meraviglioso pianeta ha una sua peculiarità dalla quale rimarrete affascinati, io non sono affatto daccordo con questa opinione. Amerete Los Angeles per la sua luce, la sua vivacità, la varietà di paesaggi che ha da offrirvi, il suo clima, le immense spiagge ma soprattutto, se come me siete cresciuti a "pane e commedie americane",  la amerete perchè finalmente siete arrivati proprio lì , dove da adolescenti guardando in Tv serie come Melrose Place, Beverly Hills 90210, Baywatch o film tra i quali Ritorno al Futuro, Pretty woman, Terminator e molto altro,  avete sognato di andare: Hollywood, la patria del cinema americano!!


COME ARRIVARE

Purtroppo la Ryanair, non si è ancora organizzata con le tratte intercontinentali...A parte gli scherzi, avrete un'infinità di opportunità per arrivare a Los Angeles, ma preparatevi ad affrontare un lunghissimo viaggio aereo : da Roma si parla di 13  ore  senza scalo ed una volta arrivati dovrete abituarvi al fuso orario: nove ore indietro rispetto all'orario italiano, quindi se partite di mattina supponiamo le 9.15 come è accaduto a me, arriverete alle 22.15 ora italiana  e vorrete magari andare a dormire...e invece no! Forza e coraggio perchè a Los Angeles saranno le 13 e 20 e di fronte a voi avrete ancora una giornata intera! Personalmente ho viaggiato con Delta Airlines in partnership con l'Alitalia. Servizio eccellente, peccato solo per i sedili decisamente stretti e scomodi. Vi suggerisco, ad un prezzo leggermente più alto, di acquistare posti "economy comfort", decisamente più ampi e spaziosi. Per l'elenco delle compagnie aeree che effettuano la tratta, date un'occhiata al sito edreams.it o cercate direttamente sui siti delle compagnie stesse tipo Alitalia, Delta, American Airlines, British Airways, Swiss, Lufthansa, Airfrance ecc... Valgono i soliti suggerimenti per risparmiare e cioè prenotate con largo anticipo soprattutto se partite nei periodi di grande esodo e scegliete giorni infrasettimanali che in genere hanno un costo più vantaggioso.
Una volta atterrati a Los Angeles ( non dimenticate che è necessario il passaporto digitale ed il modello esta per entrare negli Stati Uniti) e superati i controlli vi consiglio caldamente di affittare un'auto magari all'aereoporto stesso e di munirvi di navigatore satellitare. Los Angeles non può essere visitata a piedi, tranne che per il centro, ben servito dalla metropolitana e dagli autobus (visitate il sito www.metro.net per informazioni sul servizio metro ed auto di LA). Sia che avete prenotato un'auto in anticipo o meno, una volta usciti dall'aereoporto dirigetevi al "Ground transportation" ed aspettate lo shuttle (navetta) della compagnia di noleggio auto che vi interessa. Vi porterà , senza costi aggiuntivi, direttamente negli uffici dove potrete noleggiare la vostra vettura o ritirare la vettura già prenotata on line (optate per quest'ultima ipotesi, più conveniente e veloce). Io per capire questo passaggio, non avendo mai noleggiato una macchina, c 'ho impiegato un quarto d'ora e sono stata colta dal panico. Magari vi sarà utile anche se ad altri apparirà scontato, conoscere questa procedura.


DOVE DORMIRE



Su suggerimento del mio agente di viaggio, durante il mio soggiorno a Los Angeles ho pernottato all' hotel Millennium Biltmore nel downtown di LA ( www.millenniumhotels.com), un hotel storico che ha ospitato Presidenti e altre celebrità e che spesso ha offerto le proprie sale in prestito per girare scene di film quali  Beverly Hills Cop , Cruel Intentions, Catwoman, Spiderman, Ocean's eleven  e alcuni film di Hitchcock ( per maggiori dettagli  cliccate su questo link http://www.millenniumhotels.com/millenniumbiltmorelosangeles/hotel-amenities/filming.html  ). Con soli 50 dollari potrete effettuare l'upgrade da una camera standard senza colazione ad una camera executive molto curata nei dettagli,  con colazione compresa per 2 persone, aperitivo tutti i pomeriggi e  wi- fi gratis nella sala lounge.
 L' hotel dispone di un centro benessere con piscina coperta, business center, di una lavanderia, possibilità di noleggio film e  concierge, pronto a rispondere a qualunque domanda e ad esaurire ogni vostro desiderio! Se avete l'auto al seguito e volete risparmiare qualche soldino, evitate il parcheggio dell'hotel che vi costerà 40 $ al giorno e optate senza remore per il parcheggio sotterraneo che si trova su Pershing square, proprio di fronte all'albergo: costo 16 $ max al giorno.
Se il mio alloggio non vi soddisfa cercate su booking.com o su venere.com, dove sicuramente troverete qualcosa di vostro gradimento.


COSA VISITARE

Ecco una lista delle attrazioni che una volta a Los Angeles, non dovete assolutamente perdere:

1. Visitate gli Universal studios: sono uno spasso! Vi consiglio di acquistare i biglietti on line sul sito www.universalstudios.com e scegliendo la città in cui volete visitarli (tra Hollywood e Orlando) evitando così lunghe code al botteghino. Vi anticipo che i biglietti per  i miei gusti sono costosissimi: l'ingresso standard al parco costa 80 $ a persona ed il parcheggio parte da 15 $. Con questo tipo di biglietto non avrete l'ingresso prioritario alle attrazioni del parco, il che significa che a volte dovrete fare lunghe file di un'ora, ma le file scorrono abbastanza velocemente come del resto il tempo trascorso a cimentarvi tra un'attrazione e l'altra! Non preoccupatevi se non avete portato il pranzo: è pieno di chioschi o ristorantini a tema dove potrete fermarvi a mangiare qualcosa e trovare un pò di refrigerio. Siete alla ricerca di un souvenir??Vi venderanno di tutto! Se non si fa attenzione si rischia di spendere 500 $ senza accorgersene. Al termine della vostra giornata, preferibilmente la sera quando cominciano ad accendere le luci, fate un giro attraverso la "City Walk" con i suoi negozi variopinti ed i locali per tutti i gusti prima di tornare al parcheggio e ritirarvi nella vostra stanza d'albergo esausti ma felici come bambini!
2. Passeggiate lungo la "Walk of fame": prendete la metro rossa e scendete ad Hollywood Highland.Vi troverete a pochi passi dal " Grauman's Chinese Theatre" al cui esterno potrete scattare qualche foto alle impronte di cemento delle star più celebri del passato e del presente non prima di aver incontrato lungo il vostro cammino, sosia di : Superman, Michael Jackson, Marilyn Monroe, Jack Sparrow, Dart Fener ecc. ecc! E se riuscite a guardare dove mettete i piedi ( c'è molta folla), vedrete su  entrambi i lati dei marciapiedi le stelle recanti i nomi di tutti i famosi che hanno offerto il loro contributo allo Star System Hollywoodiano. Se siete amanti dei souvenir di Natale, in qualunque stagione all'interno del centro commerciale a fianco al Chinese Thetre, troverete un negozio con le decorazioni più eccentriche che io abbia mai visto! Vale una visita.






3. Sognate ad occhi aperti tra le strade di Beverly Hills: se siete a Los Angeles, un giro nel famoso e lussuoso quartiere di Beverly Hills è d'obbligo! Tra l'altro chi di voi non ha  mai visto il film "Pretty woman" con Julia Roberts e Richard Gere? Io adoro quel film e credo di averlo visto decine di volte senza mai stancarmi...Ovviamente non solo ho voluto vedere con i miei occhi l'hotel in cui è ambientato il film, il "Regent Beverly Wilshire Hotel" ( ed ho pianto dall'emozione!) ma ho dovuto passeggiare lungo Rodeo Drive, con le sue vetrine griffate e le   rare quanto costose automobili  parcheggiate lungo il viale! La curiosità mi spingeva a fare il tour delle ville delle Stars hollywoodiane, ma non ne ho avuto il tempo. Se vi trovate lì, acquistate al costo di 5$, attraverso i distributori automatici che troverete sui marciapiedi ( al centro in special modo) la rivista con la mappa delle abitazioni delle celebrità e godetevi il tour! Chissà che non riusciate a fotografare George Clooney mentre si dedica allo jogging! In particolare percorrete in auto : Sunset Boulevard, Santa Monica Boulevard, Beverly Drive, Wilshire Boulevard e l'immancabile Rodeo Drive!


4. Non perdetevi lo show al Griffith Observatory: oltre al fatto che proprio qui hanno girato alcune scene del noto film "Terminator", l'osservatorio merita una visita per la spettacolare vista su LA (la sera ancor più magica) e per il suo show  3D sulla nascita del sistema solare: gli americani si confermano al primo posto nell'uso di questa tecnologia.  L'ingresso all'osservatorio è gratis, si paga solo lo show al planetario (se non ricordo male circa 7 $ a persona). Se avete tempo, fatevi un giro sulla collina dove è ubicato l'osservatorio; ho avuto modo di scambiare  due chiacchere con un gentilissimo abitante di Los Angeles in gita al planetario con la sua famiglia, il quale mi ha rivelato che la sua città è speciale perchè è circondata da una natura inaspettata. Arrampicandosi sulle colline circostanti ed inoltrandosi tra i canyons e la fitta vegetazione è possibile incontrare alci, leoni di montagna ed orsi! Assolutamente vietato fumare in tutta la zona : Italiani, siate rispettosi delle regole altrui!

5. Imboccate la Pacific Coast Highway e sdraiatevi al sole delle spiagge di Malibù: dal centro di LA a Malibù impegherete circa un'ora. Non aspettatevi di trovare una cittadina da visitare: Malibù è un susseguirsi di spiagge e non ha un centro cittadino. Le spiagge sono immense e ben sorvegliate dai guardiaspiaggia, proprio come nella serie Baywatch! Attenzione al sole della California: brucia e non ve ne renderete conto perchè tira sempre un bel venticello fresco. La protezione solare è d'obbligo e scoprirete che un'ora al sole vi regalerà un'abbronzatura che in Italia otterrete dopo un'intera giornata di sole e caldo! L'incognita "tempo" ha condizionato il mio soggiorno in California e non sono potuta arrivare a Santa Barbara come avrei voluto. Proseguendo oltre Malibù sulla pacific Highway in circa un'ora e trenta vi troverete nella rinomata località turistica e perchè no, se soggiornate per un lungo periodo potete arrivare a San Francisco che dista  sei ore e mezza da Los Angeles. A sud invece vale una visita a San Diego, al confine col Messico. Da Malibù  tornando verso LA svoltate per Corral Canyon ed arrampicatevi sulla collina: vi regalerà un panorama davvero suggestivo.

 6.  Fate un giro a Venice beach: a circa 30 minuti dal centro di Los Angeles, poco più a sud di Santa Monica si estende Venice beach, rinomata località balneare caratterizzata da un lungo viale che costeggia l'oceano, delimitato da palme altissime e animato da artisti di strada, negozi di souvenir e locali in cui mangiare qualcosa, palestre all'aperto, campi da basket e un'interessante via vai di gente che si sposta muovendosi su skateboards, biciclette e pattini a rotelle! Venice beach deve il suo nome al  piccolo borgo costruito su canali e ponticelli che richiama la nostra Venezia (che ovviamente non ha nulla a che vedere con esso!).

7. La mia visita a Los Angeles purtroppo è terminata qui, perchè il tempo a disposizione è stato davvero limitato ( solo 3 giorni) ma se voi potete non fatevi mancare...

  •  Disneyland Park e  Disney California Adventure Park , a circa 40 minuti da Los Angeles ( biglietti ed informazioni sul sito www.disneyland.disney.go.com);
  • La graziosa cittadina di Pasadena, sede del "Rose Bowl Stadium" e di numerosi musei (visitate il sito www.ci.pasadena.ca.us , sezione "visitors");
  • Il Getty Center,  museo famoso per la sua collezione di quadri,  sculture, fotografie, per i suoi  giardini , la meravigliosa vista su Los Angeles  e  non meno, per il fatto di essere gratis ( www.getty.edu ), e la Getty Villa, lungo la strada per Malibù, egregia ricostruzione di una villa Romana che ospita un museo di reperti greci, romani ed etruschi  ( l'ingresso è gratuito ma dovete programmare la vostra visitate prenotandola sul sito getty.edu , nella sezione riservata alla Getty Villa);
  • Walt Disney Concert Hall , dove potete assistere ad un balletto o ad uno spettacolo di musica classica eseguito dall'Orchestra Filarmonica di Los Angeles o anche semplicemente scattare delle foto alla struttura in sè,  meraviglioso esempio di architettura moderna opera dell'architetto Frank Gehry (www.laphil.com );
  • Fate un giro sull'Angels Flight Railway,  ciò che rimane dell'antica funicolare che collegava Hill street ed Olive street tra il 1901 ed il 1969 e che oggi è stata riadattata a scopo meramente turistico (www.angelsflight.com );
  • Non rinunciate ad una gita sull'isola di  Santa Catalina: ebbene si le sorprese a Los Angeles non finiscono mai! A circa 40 km dalla costa con una breve traversata in traghetto (www.catalinaexpress.com ), potrete raggiungere l'isola  di Santa Catalina, una delle isole dell'arcipelago delle Channel Islands della California, con le sue acque cristalline in cui potrete fare snorkeling, scuba diving o dedicarvi al surf nelle spiagge di Shark Harbor e Ben Weston ( per maggiori informazioni visitate i siti www.visitcatalinaisland.com e www.catalinachamber.com ). Prestate particolare attenzione alle norme riguardanti la circolazione di veicoli a motore  che è interdetta ai visitatori, ragion per cui sarete costretti a  noleggiare una bicicletta o un golf cart per spostarvi sull'isola. (
Se le informazioni che vi ho fornito non vi sembrano abbastanza, date un'occhiata ai siti www.visitcalifornia.com, www.discoverlosangeles.com , www.latourist.com e www.tripadvisor.com .

Last but not least...
Se vi trovate a Los Angeles, non potete rinunciare ad un pò di sano e ricreativo shopping !! Pensavate che mi fossi dimenticata eh?! Poco prima di partire, ho avuto la fortuna di conoscere una ragazza italiana che aveva vissuto a Los Angeles per lavoro e  gentilmente mi ha dispensato una serie di consigli che si sono rivelati assai utili ed io voglio rigirarli a voi...Avete carta e penna? Via!
Anzitutto andate alla scoperta della catena di negozi di abbigliamento per uomo, donna e bambino conosciuta come "Ross dress for less". Troverete abiti,scarpe, borse ed accessori anche di marca a prezzi ultra scontati; sono sparsi per tutta Los Angeles ma vi conviene dare un'occhiata al sito www.rossstores.com per individuare la sede più vicina a voi. Se siete appassionati di scarpe, ne troverete per tutti i gusti e tutte le tasche presso la catena " Off broadway shoes warehouse" ( info e locations sul sito www.offbroadwayshoes.com ). Ma se finora lo shopping vi sembra noioso, allora optate per un paio di centri commerciali niente male: "The grove" ( www.thegrovela.com ) e " Westwood Village" ( www.westwoodblvd.com ). E se avete fame e non volete spendere una fortuna, assaggiate i deliziosi hamburger di " In-n - out Burger" ( www.in-n-out.com ) o gustate un menù low cost da  "Denny's" ( www.dennys.com ).

Ecco a voi un pò di foto per completare la sezione dedicata a Los Angeles! Se avete voglia di aggiungere qualche informazione utile su LA o di raccontarci dei vostri viaggi utilizzate pure lo spazio dedicato ai commenti ! Ogni contributo è ben accetto!











SECONDA TAPPA: MAUI



Da Los Angeles, con un volo di cinque ore operato dalla compagnia aerea Delta Airlines, abbiamo raggiunto l'isola di Maui, atterrando all'aereoporto di Kahului.  Maui rappresenta una delle isole maggiori che formano l'arcipelago delle Hawaii , il 50° stato americano ( annesse solo nel 1959) che giace nell'oceano Pacifico, distante ben 4000 km dal suolo dell'America. L'isola di Maui, la seconda per estensione, è conosciuta come "The Valley Island"  per l'abbondanza di vegetazione che la ricopre ed in effetti è un vero e proprio giardino tropicale! Gli amanti della natura incontaminata (come me del resto) rimarranno affascinati dalla purezza di quest'isola, in cui la vita scorre lenta, quasi surreale, il clima è sempre piacevole, i cui abitanti sono ospitali e sorridenti, le piante e gli alberi sempre in fiore,  in cui le acque  cristalline assumono un colore indefinito tra il verde chiaro e l'azzurro,  dove il vento che scuote dolcemente le fronde delle palme non smette mai di soffiare e che regalerà ai vostri occhi  tramonti commoventi che rimarranno per sempre impressi nel profondo nostalgico del vostro cuore...Tutto questo è Maui...


COME MUOVERSI


Se non volete "inciampare" nello stesso errore che ho commesso la scorsa estate, quando mi sono illusa di poter girare le isole Lofoten In Norvegia, senza un'auto a noleggio, correte ai ripari e prenotate IMMEDIATAMENTE una macchina, magari un'utilitaria, ma non illudetevi di poter visitare Maui utilizzando il trasporto pubblico. Sebbene l' isola possa contare su un servizio di trasporto pubblico che consta di dodici linee che operano su diverse tratte ( http://www.co.maui.hi.us/documents/21/MB_Web_061512_201206291916281115.pdf ), con l'autobus non potrete mai raggiungere la vetta dell'Haleakala, nè la città di Hana o la Iao Valley  oltre al fatto che sarete legati agli orari delle corse che non combacieranno mai con le vostre esigenze, a meno che non siate venuti a Maui "solo per prendere il sole"...Buttate giù il vostro programma di viaggio e prendete pure la vostra decisione!



DOVE DORMIRE
Le Hawaii sono considerate una meta turistica "di lusso" e difficilmente troverete strutture ospitali scadenti. L'isola di Maui è costellata da resorts con appartamenti immersi in campi da golf tutti o quasi dotati di vista parziale o totale sull'oceano, totalmente circondati da palme , alberi di plumeria ( "il fiore del paradiso") e altre specie tropicali. Io e Luca abbiamo alloggiato al Maui Eldorado Resort a Kaanapali 
 ( www.outriggermauieldorado.com ), dove avevamo affittato un bellissimo appartamento di circa 60 mq ,arredato con mobili in giunco e tappezzeria a fiori in stile hawaiiano e dotato di tutti i comfort (lavatrice ed asciugatrice comprese). Il resort dispone anche di piscina e barbecue all'aperto ,campo da golf, parcheggio interno coperto e servizio spiaggia privato. E' un'ottima struttura, ben collegata al resto dell'isola, a pochi chilometri dalla storica Lahaina. Sul sito www.gohawaii.com , potete trovare un elenco esaustivo di tutte le sistemazioni presenti sull'isola visitando la sezione "accommodations". Infine date un'occhiata a questi due siti: www.airbnb.com  oppure digitate sul vostro motore di ricerca "Craigslist Maui " e cliccate sulla sezione Housing - Vacation rentals  e vi comparirà una lista di camere e appartamenti disponibili sull'isola.

COSA VISITARE

Sebbene Maui sia la seconda isola delle Hawaii per dimensioni, non vi sarà difficile girarla tutta pur disponendo di pochi giorni. Rimarrete stupiti dalla varietà di paesaggi che questa meravigliosa isola ha da offrire e difficilmente non sarete abbagliati da tanta bellezza...
  • Visitate " Iao Valley State Park",  la valle sacra immersa nella foresta tropicale, nel cuore del lato ovest dell'isola,  sede della cruenta battaglia di Kepaniwai che si svolse nel 1790,  durante la quale il re Kamehameha I si scontrò con l'esercito di Maui  allo scopo di unificare le isole Hawaii sotto un unico regno. La valle è considerata sacra poichè secondo l'antica religione hawaiiana in essa risiedono gli Dei Kane e Kanaloa , quest'ultimo rappresentato dalla cima fallica che svetta nel parco conosciuta col nome di Kuka'emoku (correggetemi pure se sbaglio!). L'ingresso alla valle è gratuito, pagherete solo il parcheggio. Ad attendervi, una breve escursione su terreno pavimentato nella foresta tropicale fino al punto di osservazione  più alto da cui si gode di una splendida vista sulla vallate e sul monte Kuka'emoku (http://www.hawaiistateparks.org/parks/maui/index.cfm?park_id=36). Tornando dalla vostra visita alla Iao Valley, fermatevi a dare un'occhiata alla cittadina di Wailuku, con le sue gallerie d'arte , i negozi di antiquariato e la chiesa di Kaahumanu edificata nel 1837 in onore della moglie preferita di Kamehameha I, che aveva fatto crollare l'antica religione hawaiiana aprendo la strada al Cristianesimo.

  • Arrampicatevi a 3000 metri di altezza sul vulcano Haleakala, che letteralmente significa "la casa del sole".  Il vulcano, considerato ancora attivo ma dormiente (l'ultima eruzione risale al 1790) risiede nell'Haleakala National Park , esattamente al centro dell'isola di Maui , in cui hanno trovato protezione  specie animali e vegetali in via di estinzione quali una pianta dalle lunghe foglie argentee dal nome hawaiiano di Ahinahina (silversword) ed il Nene, l'oca delle Hawaii, che spesso passeggia indisturbato nel parco con i suoi pulcini. Nel punto più alto, a quota 3055 metri, è stato costruito l'osservatorio astronomico conosciuto come "Science city", in cui vengono condotti studi astrofisici all'avanguardia  (http://www.ifa.hawaii.edu/haleakalanew/index.shtml ). Trovarsi sulla sommità del vulcano è  sorprendente: crateri sparsi ovunque, polveri colorate tra il marrone, il rosso e l'arancione, rocce magmatiche e tutt'intorno a voi nuvole e nuvole che avanzano coprendo la visuale e sopra le vostre teste il cielo più azzurro che mai ed un venticello pungente a scomporre disordinatamente le vostre chiome. Vi chiederete ad un certo punto se vi trovate ancora alle Hawaii o se state vivendo in un sogno sospesi tra il cielo e la terra! Lo stesso tragitto verso l'Haleakala vale la visita: dallo sguardo perso tra le onde dell'oceano, le palme e gli alberi di plumeria, ai verdi pascoli ed i ranch, le baite di montagna rigorosamente in legno,  alberi di pino ed eucalipto. "E' come passare dal Messico all'Alaska in due ore ", asserisce la guida del National Geographic. Andateci la mattina , e calcolate almeno un paio d'ore di viaggio (se vi trovate sulla costa ovest) .Non dimenticate di portare con voi scarpe da ginnastica e un giacchetto pesante. Informazioni, costi e suggerimenti di escursioni possibili sul sito http://www.nps.gov/hale/index.htm .




  • Passeggiate tra le stradine di Lahaina, storica cittadina di pescatori che nel 1800 divenne il principale punto di approdo della flotta americana di baleniere nel Pacifico. Lahaina si affaccia sull'oceano e le sue abitazioni hanno il tipico aspetto delle case del New England. E' una meta turistica per eccellenza considerato l'elevato numero di ristoranti, negozi di souvenir, gallerie d'arte. Passeggiando lungo il viale principale fermatevi da "Ululani's hawaiian shave ice": mangerete il miglior shave ice di tutte le Hawaii ( è una sorta di granita ma il ghiaccio è tritato talmente fino da diventare della consistenza della neve)! A Lahaina troverete anche uno stranissimo albero che io non avevo mai visto prima dal nome di "Baniano" dai cui rami si formano nuovi rami che si protendono verso terra e mettono radici ( non saprei come altro descrivervelo!). All'ombra del baniano nei week end si radunano decine di artisti che vendono i loro prodotti ai turisti. Per finire, d'obbligo è una visita  al tramonto: lo spettacolo è ineguagliabile!



  • Andate ad Hana...Hana è  una piccola cittadina sulla costa sud-est dell'isola di Maui,  che di per sè non offre grandi attrazioni a parte l'Hana Ranch dove potrete mangiare qualcosa e fare una passeggiata a cavallo, l'Hotel Hana-Maui , la prima località di soggiorno  costruita sull'isola, che ospitò personaggi del calibro di Clark Gable e Walt Disney , un paio di spiagge rinomate per il colore tipico della loro sabbia ( Red Sand Beach e Hamoa, dalla sabbia color sale e pepe) ed il più grande tempio delle Hawaii, conosciuto col nome di Piilani Hale, dove ancora oggi vengono celebrate le cerimonie hawaiiane. Ciò che fa di Hana una meta tanto ambita è il tragitto stesso che vi condurrà ad essa. Immaginate una  stretta stradina  a una corsia che da Paia, l'ultimo centro cittadino prima di Hana, serpeggia per circa 70 chilometri di curve delimitate da una parte dall'oceano e dall'altra dalla foresta tropicale con alberi giganteschi dal verde brillante che a tratti si intrecciano sopra le vostre teste formando una rete dalla quale penetrano pochi raggi di sole. Immaginate che lungo il percorso si aprano ai vostri occhi drammatici scorci sull'oceano, che dovrete attraversare improbabili ponticelli che sembreranno condurvi in un luogo fantastico, che rigagnoli d'acqua scorrendo dalle pareti rocciose ai bordi della strada,  formino talora improvvise cascatelle, che per sgranchirvi le gambe possiate fermarvi ad esplorare un giardino botanico con  stravaganti specie vegetali importate dai paesi tropicali  e che  possiate trovare refrigerio tuffandovi nelle piscine naturali formate da una cascata. Lungo la strada, fermatevi ad assaggiare un pò di frutta tropicale, o il succo di cocco fresco spaccato davanti ai vostri occhi, o un sacchetto di coconut's roasted candies o la banana cake vendute dai locali sulle loro bancarelle . Vi suggerisco di dedicare almeno un paio di giorni al viaggio ad Hana. Noi abbiamo impiegato una giornata intera per arrivarci e siamo stati costretti a saltare molte attrazioni. Visitate tutto ciò che la vostra guida di viaggio vi suggerisce tra cui le Twin Falls, Puohokamoa Falls, Waikamoi Falls, Haipuaene Falls, Waikani Falls, Keanae Arboretum, Waianapanapa State Park, il Garden of Eden Arboretum dove sono state girate alcune scene del famoso film "Jurassic Park" e proseguendo la strada verso Kipahulu visitate Oheo Gulch, il cui soprannome è "Seven sacred pools"; qui alcuni laghetti confluiscono tra loro formando un sistema di cascate e piscine   che si gettano nell'oceano. L'area è circondata da sentieri che potrete percorrere a piedi tra cui il più famoso è il "Pipiwai trail" (una camminata di 2 ore e mezza che vi porterà alle cascate Waimoku). Armatevi di scarpe comode e impermeabile a causa degli improvvisi acquazzoni tropicali!

 










  • Sulla strada di ritorno da Hana fermatevi a visitare le cittadine di Paia e Makawao : la prima nota per le sue antiche piantagioni di canna da zucchero, le botteghe costruite in legno colorato, i negozi di antiquariato e la bellissima spiaggia di Hookipa, frequentatissima dai surfisti di tutto il mondo. La seconda, antica città di cowboy, mantiene intatto il suo stile portandovi indietro nel tempo nel vecchio West. Se avete voglia di assaggiare qualcosa di buono, fate una sosta da Komoda Bakery, e gustate i noti bignè alla crema o dei dolci ricoperti di zucchero simili alle nostre ciambelle.


  • Percorrete la costa sud-ovest e fermatevi a prendere il sole nelle spiagge di Kihei, Wailea e  Makena: mentre Kihei è  una nota località turistica low cost, Wailea con con suoi  resorts di lusso, i prati all'inglese ed i campi da golf è considerata una meta più raffinata. Sebbene i resorts si affaccino sul litorale, ricordatevi che le tutte le spiagge alle Hawaii sono aperte al pubblico e non dovrete necessariamente risiedere in un alloggio 5 stelle per accedervi ( potete passeggiare lungo la spiaggia su un sentiero naturalistico che parte dal Kea Lani Hotel fino al Renaissance Wailea Beach Resort). Makena infine è la parte più selvaggia e solitaria, costellata da ampie spiagge  a ridosso di boschi dove sono stati allestiti parcheggi gratuiti per i visitatori. Proseguendo oltre Makena, una stretta stradina vi condurrà nella zona in cui vi giunse l'ultima colata lavica dell'Haleakala ( che eruttò nel 1790): è spaventoso ed emozionante percorrere quel tratto di strada circondati da lava ormai solidificata immersi in una riserva naturale lontani dal mondo civilizzato. Consigliato un fuoristrada a causa del sentiero scosceso!

  • Tuffatevi nelle calme acque di Napili Bay e Kapalua: se come me non siete grandi nuotatori e cercate semplicemente delle spiagge protette dal vento le cui acque ferme vi invitano ad un bagno, allora non potete perdere queste due località. A Kapalua, parcheggiate l'auto nel parcheggio del Ritz Carlton  Hotel ( chiedete prima il permesso al personale che vi indicherà dove) e godetevi il panorama! Nei giardini dell'hotel molte coppie decidono di celebrare il  loro matrimonio, immersi in un contesto fiabesco, circondati da palme da cocco e prati all'inglese...

  • Se amate fare snorkeling e/o scuba diving, fatevi portare a Molokini, la minuscola isoletta vulcanica a forma di uncino che giace di fronte a Makena. Escursioni giornaliere con compagnie di navigazione private dal porto di Lahaina o Maalaea ( info sul sito www.molokini.com );


  • Trovate il tempo di fare una gita sulle isolette di Lana'i e Molokai: entrambe appartengono alla contea di Maui e sono un vero tesoro. Lana'i è conosciuta come " l'isola dell'ananas" , poichè nel passato era sede di piantagioni del frutto . Oggi è una meta turistica, lontana dalla confusione, priva di strade asfaltate tranne che a Lana'i city, senza semafori e centri commerciali, nè servizio di trasporto pubblico e sull'isola ad ospitarvi solo un paio di hotel ( maggiori informazioni sul sito www.go-lanai.com )! Molokai invece gode di minore fama, ma in essa si trovano le scogliere più alte del mondo, ad Umilehi Point ed una natura incontaminata...Really worth a visit! Per informazioni su come arrivare visitate il sito www.molokaiferry.com ma se desiderate prendere l'aereo visitate il sito delle compagnie iflygo, pacific wings e island air che collegano tra loro tutte le isole Hawaii;


  • Se amate la lavanda, un salto alla cittadina di Kula, sull'isola di Maui è d'obbligo: qui potrete visitare l' Ali'i Kula Lavender Farm , con i suoi estesi campi di lavanda ed acquistare prodotti a base del fiore anche on line (www.aklmaui.com).
DOVE MANGIARE

Finalmente posso dirvi che le Hawaii non sono un sogno irraggiungibile accessibile solo ai più benestanti, ma sono  aperte anche ai "budget travellers" come me. Questo significa però che dovrete ben pianificare il vostro soggiorno sulle isole e non lasciare nulla al caso. Anzitutto a mio avviso, non è necessario andare a cena fuori tutte le sere, poichè sull'isola di Maui troverete supermercati ben riforniti di ogni genere alimentare ma...MOOLTO COSTOSI! Accipicchia se non sono costosi...Mezzo chilo di pasta arriverà a costarvi 3$ e un barattolino di pesto 5$. Quindi optate per i prodotti precotti surgelati. Sono buoni e very cheap! E se per dieci giorni dovrete rinunciare a seguire la vostra dieta mediterranea, che sia. Se potete, portate in valigia risotti e pasta liofolizzata (tipo risotti Knorr insomma), un pò di sale, zucchero o dolcificante che è meno ingombrante, un pacco di merendine e mezzo litro di olio. Eviterete così di acquistare condimenti che sicuramente avanzerebbero. Calcolate che sarete tutto il giorno in giro e quindi dovrete pensare solo a preparare la cena; per il pranzo infatti vi suggerisco di preparare dei tramezzini oppure di pranzare con un gelato o un tacos di pesce, che a Maui vanno per la maggiore. A proposito di tacos, vi segnalo un paio di posticini dove sono davvero buoni: Coconut's fish cafè a Kihei, Maui tacos a Napili e Fish Market Maui a Lahaina. E se volete concedervi una cena fuori, andate da Mama's fish House a Paia, ma non dimenticate di prenotare un  tavolo  telefonicamente o rimarrete a bocca asciutta (come è accaduto a noi!).

Bene, that's all! Ma sono certa che chi è stato a Maui avrà molte cose da raccontare comprese esperienze non contemplate nella mia breve descrizione. E allora cosa aspettate, fatevi avanti e dite la vostra!